fbpx

Sai quanti tipi di depuratori d’acqua per casa esistono?

Una panoramica sul filtraggio dell’acqua domestica

Prima di entrare nel dettaglio e analizzare tutte le opzioni disponibili in merito di qualità e dettagli tecnici degli impianti disponibili sul mercato per la depurazione delle acque domestiche, è forse necessaria una doverosa premessa: su tutto il territorio italiano, in generale, la qualità dell’acqua che sgorga dai rubinetti è buona e gli acquedotti vengono costantemente monitorati. Ma se si volessero verificare le informazioni relative al proprio comune di residenza in merito alle caratteristiche di durezza e qualità dell’acqua, è possibile reperire in rete dei siti che forniscono rapidamente delle informazioni, semplicemente inserendo il nome del comune che ci interessa. I risultati sono espressi principalmente in gradi di durezza francesi (°F), in una scala da 1 a 3 (dolce, media e dura). Ed è proprio qui che possiamo iniziare a valutare la scelta dell’installazione di un impianto di depurazione: spesso una elevata durezza dell’acqua già in fase di erogazione va a sommarsi alle incrostazioni che si formano nelle tubature.

Tipologie di depuratori d’acqua.

Esistono diverse tipologie di apparecchi che depurano l’acqua, in particolare si suddividono in:

– depuratori con addizionatore di anidride carbonica;
– depuratori a filtro di carbone attivo;
– depuratori a depurazione magnetica;
– depuratori ad osmosi inversa.

DEPURATORE D’ACQUA CON ADDIZIONATORE DI ANIDRIDE CARBONICA

DEPURATORE D’ACQUA CON FILTRO A CARBONE ATTIVO

DEPURATORE A DEPURAZIONE MAGNETICA

DEPURATORE AD OSMOSI INVERSA

DEPURATORE D’ACQUA CON ADDIZIONATORE DI ANIDRIDE CARBONICA

E’ il classico depuratore casalingo per avere l’acqua frizzante.

Un apparecchio (addizionatore) che aggiunge all’acqua l’ anidridecarbonica, senza necessità di corrente elettrica, tramite una cartuccia ricaricabile.

Quindi contribuisce a rendere l’acqua di un sapore più buono (per chi ama l’acqua frizzante) ed offre una maggiore sicurezza contro i germi grazie all’azione propria dell’anidride carboni

DEPURATORE D’ACQUA CON FILTRO A CARBONE ATTIVO

filtri a carbone attivo sono porosi e come tali riescono a filtrare le sostanze inquinanti organiche, come i solventi, i pesticidi, etc… ma non riescono a filtrare i batteri ed i nitrati (quindi non modificano la durezza dell’acqua).Questa tipologia di depuratore funziona bene se i filtri a carbone attivo vengono costantemente tenuti in manutenzione, perchè questi possono sviluppare micoorganismi dannosi alla salute.

DEPURATORE A DEPURAZIONE MAGNETICA

E’ un depuratore che attraverso un acceleratore ionico magnetico genera potenti campi magnetici adatti a combattere il calcare, lasciando tutti i minerali nell’acqua, perchè essa mantenga le caratteristiche organolettiche.

E’ un depuratore che accresce di gran lunga la forza pulente dell’acqua.

DEPURATORE AD OSMOSI INVERSA

Sfruttando la pressione della rete idrica, l’acqua del rubinetto passa attraverso una membrana sottilissima in grado di rimuovere le principali sostanze nocive presenti nell’acqua di rubinetto.

Quindi, attraverso un processo di osmosi, la parte più “concentrata” dell’acqua (contenente fino al 99,5% delle sostanze dannose) viene bloccata e rimossa dalla membrana osmotica, mentre la restante parte dell’acqua più “pura” attraversa la membrana osmotica e può essere tranquillamente bevuta.

Con questo processo l’acqua viene depurata da qualunque tipo di impurità, come agenti inquinanti, calcare e sostanze contaminanti.

 Bisogna sapere che…

Qualsiasi sia la vostra scelta, bisogna tener d’occhio alcune regole,per evitare di avere l’effetto contrario e correre rischi per la salute:

– utilizzate sempre bottiglie di vetro;
 lavate con cura e con l’acqua calda le bottiglie;
 imbottigliate l’acqua alla temperatura più bassa possibile;
– bevete l’acqua imbottigliata il giorno stesso, se non potete conservarla in frigo.